Vai menu di sezione

IL TEDESCO SI IMPARA IN BASSA ATESINA

Sono 54 gli iscritti alle settimane linguistiche estive che anche quest’anno vengono proposte dalla Comunità Territoriale della Val di Fiemme e dalla Comunità Comprensoriale Oltradige Bassa Atesina, nell’ambito di un protocollo d’intesa firmato nel 2013. Gli alunni di prima e seconda media degli istituti comprensivi della Valle di Fiemme, suddivisi in due turni di due settimane ciascuno (dall’8 al 19 luglio e dal 22 luglio al 2 agosto), parteciperanno in Bassa Atesina ad attività in tedesco con insegnanti madrelingua.

Il programma prevede al mattino lezioni e al pomeriggio proposte di vario tipo, come cacce al tesoro, palestre di arrampicata, visite a castelli, escursioni, tuffi in piscina e, per concludere, una grigliata. A seguire i ragazzi saranno anche quest’anno gli operatori del centro giovanile Jugenddienst Unterland di Egna, in collaborazione con l’accompagnatore Corrado Menegatti.

Nei giorni scorsi sono stati presentati ai genitori degli iscritti i dettagli dell’iniziativa. Erano presenti il vicepresidente della Comunità Territoriale della Val di Fiemme Michele Malfer, il presidente della Comunità Comprensoriale della Bassa Atesina Edmund Lanziner, gli educatori e le insegnanti degli istituti comprensivi coinvolti, Lidia Delvai e Stefania Deflorian. Un momento di conoscenza reciproca, che è servito anche per ribadire le finalità del progetto, giunto alla sesta edizione: “L’iniziativa piace ai ragazzi perché imparano divertendosi e trascorrono due settimane insieme ai loro coetanei, ai genitori perché ne colgono le finalità educative e didattiche e agli insegnanti che vedono gli effetti positivi sulla conoscenza della lingua tedesca, imparata in un contesto ludico che ne facilita l’apprendimento. Io lo trovo un bel progetto, non solo dal punto di vista linguistico, ma anche perché avvicina due territori confinanti ma spesso considerati distanti. I ragazzi hanno modo di sperimentare nuove attività, stanno insieme, si divertono tra pari senza tecnologia, si cimentano con una lingua straniera, esplorano una valle che offre tante opportunità. Sono convinto che sia un progetto da coltivare ancora, perché crea rete tra territori e relazioni tra i giovani”, sottolinea Malfer.

 

Cavalese, 11 giugno 2019

 

ADDETTA STAMPA

Monica Gabrielli          

340.8551994

monicagabrielli@gmail.com                                  

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Mercoledì, 12 Giugno 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto